MotoGP 2022: le pagelle di Austin

MotoGP 2022: le pagelle di Austin

MotoGP 2022: le pagelle di Austin

Il trionfo di Bastiani e la rimonta di Marquez. Rins ritrovato e Bagnaia perduto. Yamaha? Spera nell’Europa.

Le pagelle della MotoGP ad Austin. Bastianini firma la sua doppietta, controfirmata da Pernat, il suo manager, che in America vede vincere anche Arbolino, in Moto2. Enea ci ha abituati a finali col botto, dolce con le gomme e spietato con gli avversari. Amministra la gara, gestendo pneumatici ed energie, finché Rins non lo pungola, per poi scappare e prendersi la vittoria. Gli sarà anche sfuggito il titolo di rookie dell’anno la scorsa stagione, ma ora la musica è cambiata.

Il sorvegliato speciale qui però era un altro, Marc Marquez, in rientro dall’ennesimo infortunio. Scattato dalla 9° posizione, ha avuto un problema in partenza che lo ha costretto a ricostruire la gara, ripartendo dall’ultima posizione. Da lì è iniziata una rimonta incredibile, che ci ha riportato a Jerez 2020, per fortuna, con un altro epilogo. Un sorpasso dietro l’altro fino al raggiungimento della 6° posizione, davanti a Quartararo. Il francese non ha brillato e risente dello svantaggio motoristico di Yamaha a cui non riesce a mettere una pezza come l’anno scorso, mentre tutti i compagni di marca occupano il fondo della classifica.

Prima di domenica a vincere ad Austin in MotoGP erano stati solo il 93 e Rins. Alex su questa pista è sempre andato forte e nel 2019 fu lui a raccogliere il regalo di Marc, caduto mentre era in testa con un largo distacco. Il circuito delle Americhe, conosciuto anche come “Marquez park” era ormai considerato inespugnabile, solo negli ultimi due anni a qualcuno è venuto il dubbio, che a ricevere il premio sul gradino più alto del podio potesse essere qualcun altro qui. Il pilota Suzuki ha fatto un’ottima gara e sembra sulla via per ritrovare il feeling perso l’anno scorso con la moto di Hamamatsu.

Un brutto rimbalzo, indietro, l’ha fatto Aleix Espargarò, dopo la vittoria in Argentina su questo circuito ha perso la bussola finendo appaiato a Viñales. Male anche KTM che vede in Binder il suo primo pilota al traguardo in 12° posizione. Una singolarità sta nel fatto che le case Giapponesi non hanno ancora vinto niente nelle prime 4 gare, dominate dai costruttori europei. Dalla prossima gara in Portogallo  (ecco il calendario della stagione) inizia la tournée nel vecchio continente, dove tutti -quelli che non hanno ancora vinto- sperano cambi aria. Via coi voti!

10 a Bastianini: gara perfetta, fotocopia di quella in Qatar. Sa risparmiare, non si risparmia e non risparmia nessuno!

9 a Rins: tira fuori una bella gara e finisce costantemente davanti al compagno di squadra. 

6 a Miller: un podio è sempre un gran risultato, però è stato in testa fino a 5 giri dalla fine. Mi sembra un po’ il vecchio Miller, esplosivo nei primi giri e in difesa nel finale di gara.

6 a Mir: ha una gran costanza, non finisce mai veramente dietro, ma non esalta praticamente mai.

6 a Bagnaia: è un  6 di incoraggiamento, le aspettative dall’anno scorso erano altre. C’è da lavorare.

 

9 a Marquez: è nato con la camicia, ma qualcuno deve avergliela rubata. Deve aver fatto saltare qualche clausola e il patto col Diavolo è saltato. Dopo tutte le rogne anche un problema con l’elettronica. Marc ci ha messo una pezza e ha fatto una gara in recupero di quelle che solo lui sa fare.

7 a Quartararo: l’M1 non la tiene a galla più nemmeno lui. I compagni affondano nelle retrovie, lui perde un duello con un Marquez non al meglio di sé e già in crollo fisico. É uno di quelli che aspetta i venti europei.

5 a Martin: partito dalla pole ha fatto la gara del gambero. Il confronto fatto spesso con Enea ora pende dall’altra parte.

6 a Viñales: meglio del solito, prima Aprilia, è suo il terzo giro veloce in gara e aveva un buon passo. Partire dietro non lo ha aiutato.

5 ad Aleix Espargaro: dopo la vittoria qualcosa in più era tra le aspettative.

4 a Pol Espargaro: vero, questo circuito è casa di Marc, ma finirgli a 11 secondi dopo che è partito ultimo non deve far bene al morale.

4 a Dovi e Morbido: in lotta per la zona punti. Situazione grigia.

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.

MotoGP 2022: le pagelle di Termas de Rìo Hondo

MotoGP 2022: le pagelle di Termas de Rìo Hondo

MotoGP 2022: le pagelle di Termas de Rìo Hondo

Aleix porta l’Aprilia sul gradino più alto del podio, a cantare la Marcha Real con lui Martin e Rins.

La prima di Aleix la prima di Aprilia

Le pagelle della MotoGP a Termas de Rìo Hondo. Aleix e Aprilia se la meritano questa vittoria. Lo spagnolo insegue da anni il traguardo più ambito e si è legato alla casa di Noale, quando il progetto era acerbo e la strada da fare ancora molta. L’anno scorso lo stesso pilota ha regalato il primo podio alla moto veneta e domenica, dopo la pole e aver dimostrato per tutto il -corto- weekend di avere il passo per vincere, si è preso questa enorme soddisfazione.

Weekend corto, sì, perché Dorna ha avuto dei problemi con i cargo che trasportano le moto, alcune delle quali non sono arrivate prima di venerdì notte, costringendo i meccanici a fare le ore piccole. Ezpeleta ha parlato di problemi legati al conflitto russo-ucraino; qualcun altro ha ipotizzato scarsa organizzazione da parte dell’organizzatore, o meglio, un tentativo, andato male, di contenere i costi con tempistiche tirate e che non lasciavano spazio a inconvenienti. Solo che qualche inconveniente c’è stato. La verità non la sapremo mai, sicuramente non è stata una bella figura, ma è anche un caso isolato.

Chi non è sembrato contento, invece, è stato Pol fratello di Aleix, caduto mentre era in quarta posizione, e visibilmente triste davanti alle telecamere. Lui ha avuto un matrimonio per certi versi simile a quello del fratello con KTM, durato meno e mai consumato. Dopo averle regalato il primo podio, ha visto l’arancione vincere con Binder, senza mai riuscire ad eguagliare l’impresa. Il più giovane degli Espargarò’s ha sentito il profumo della medaglia d’oro anche in Qatar qualche settimana fa, costretto poi a cedere il passo a un rampante Bastianini, su Ducati, e a Binder, sulla stessa austriaca. Sono sicuro che sia contento per la vittoria del fratello, ma anche che il confronto in famiglia sia sempre un po’ spinoso.

Un po’ di numeri

Aleix vince la sua prima gara in MotoGP dopo 283 partenze nel motomondiale, la 200 in classe regina. Sul podio nelle prime tre gare sono saliti 9 piloti diversi e tutte e sei le case. A vincere i primi 3 gran premi del 2022 sono state le 3 case europee. In questa categoria l’egemonia giapponese è sempre stata inscalfibile e a puntare su una tripletta del vecchio continente, diciamocelo, sarebbero stati in pochi. Le case europee non hanno i budget, e in alcuni casi l’esperienza, dei colleghi nipponici, ma possono vantare un dinamismo e un’aggressività che per tradizione non appartiene agli asiatici. Brava Aprilia, brava KTM e brava Ducati. Sono 3 case fortemente orientate alle competizioni e che in produzione mettono modelli dotati di un gran carattere, è bello che corrano ai vertici

Già nel 2016 avevamo assistito a un mondiale con un gran numero di vincitori 9 per l’esattezza, nel 2017 i contendenti alla vittoria erano principalmente Marc e Dovi ma in altri 3 riuscirono ad aggiudicarsi una gara. Nel 2018 e nel 2019 furono ancora in 5 ad aggiudicarsi un gran premio, nonostante Marquez lasciò le briciole agli altri, non arrivando mai sotto il traguardo oltre la seconda posizione. Così si è arrivati alle ultime tre stagioni, in cui il numero di contendenti per la vittoria si è allargato ancora. La realtà è che da un lato manca il mattatore e il livello dei concorrenti, e del mondiale, è (alla Bernardelle) plafonato. Dall’altro il livello delle moto non è mai stato così simile e quello dei piloti così alto, dopo l’argentina tutte le moto hanno vinto almeno un GP negli ultimi tre anni, e 14 piloti su 24 hanno almeno un mondiale nel taschino. Sulla carta la stagione dovrebbe essere entusiasmante, eppure se non c’è un dominatore o un numero ristretto di potenziali vincitori e contendenti al titolo, la sensazione è che nessuno sia realmente in grado di fare la differenza e che il valore dei contendenti non sia così elevato.

Diamo tempo al tempo, di gare se ne sono corse solo 3, i favoriti non sono ancora riusciti a emergere ed è ancora presto per fare pronostici. Questo vuol dire che probabilmente ci saranno molti vincitori durante la stagione, ma finchè non si arriva in Europa, non si avrà una reale dimostrazione dei valori in campo. É presto per fare pronostici e coniderazioni troppo approfondite. Campionato matto? Di questo siamo già sicuri. Via coi voti!

10 ad Aleix: un risultato che vale una carriera e 7 anni di legame con una moto ripartita da zero. Quando ha passato Jorge si vedeva che non riusciva a guidare fluido come durante l’inseguimento, ma ha tenuto durissimo, gestito la tensione e l’ha portata a casa, dominando il weekend. Leader del mondiale!

8 a Martin: si è giocato la vittoria per tutta la gara ma Aleix era evidentemente più veloce. Bravo a non commettere errori.

8 a Rins: io continuo a credere che sia il più forte in squadra e il compagno gli finisce -subito- dietro. Deve ritrovare la fiducia persa per una situazione difficile, è sulla buona strada.

7 a Mir: un quarto posto è un buon risultato, il suo livello, posizione più posizione meno, è questo.

6 a Bagnaia: se avessimo detto a qualcuno che il miglior risultato di Pecco sarebbe stato un quinto posto non ci avrebbe creduto nessuno. Speriamo abbia ritrovato la bussola

7 a Brad Binder: un’altra gara in top ten che gli vale il secondo posto in campionato. In Moto2 ha dimostrato di avere la stoffa del campione, la MotoGP è sempre un’altra storia e lui ha sempre corso su una KTM, moto valida ma con pochi anni di sviluppo.

7 a Viñales:  qui l’Aprilia andava particolarmente bene, speriamo trovi presto la quadra.

6 a Quartararo: sulla carta era detentore di un gran passo,ma se la Yamaha parte indietro sembra patire molto la mancanza di motore. Io credo che sia il pilota più forte su una moto con tanti pregi e un limite (il motore) diventato davvero penalizzante.

8 a Bezzecchi: primo risultato in top ten per il Bez che si mette dietro la bestia.

5 a Bastianini: l’ho visto nervoso in gara e fare qualche manovra molto azzardata. Gli è mancata la tranquillità da tuffatore che gli era solita, ma quando le aspettative si alzano la pressione sale.

5 a marini: partiva 3° e poi ha fatto il gambero. Il problema è che è comunque uno dei suoi migliori risultati.

4 a Oliveira: pazza MotoGP, una gara sei primo l’altra 14°. Non ci sono più le mezze stagioni

4 a Miller: da Jack ci si aspetta di più

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.