Top e flop MotoGP 2022

Top e flop MotoGP 2022

Top e flop MotoGP 2022

A fine anno si tirano le somme! Qualcuno migliora, altri peggiorano e qualcun altro sbaglia (quasi) tutto

Top e flop MotoGP 2022

In chiusura d’anno non possono mancare i top e flop della MotoGP 2022! Chi ci ha esaltato di più quest’anno, e chi invece è stato una delusione? Una stagione combattuta fino all’ultima gara, un plotone di moto inarrestabili come non si era mai visto prima e il ritorno di un Italiano su moto italiana al titolo. Insomma, una stagione decisamente avvincente per chi mastica di moto e, perchè no, è italiano.

Top e flop MotoGP, piloti MotoGP

Top: Chi vince ha sempre ragione e Bagnaia quest’anno si è meritato il titolo. Francesco, però, non ha convinto fino in fondo, certo ha vinto molto, ma ha commesso tanti, troppi errori. Se andiamo a guardare i punti a fine stagione 2022, si può notare che ha totalizzato 265 contro 252 dell’anno precedente in cui era arrivato secondo dietro ai 278 punti di Quartararo, che aveva vinto l’iride. Bagnaia si è indubbiamente meritato il titolo 2022, ma deve ancora lavorare sulla costanza e la capacità di accontentarsi quando serve, evitando inutili sprechi. Detto ciò, se ha fatto suo il motomondiale nonostante tante cadute, è perchè ha dominato in altri tracciati, dove è stato inarrestabile.

Flop: Quartararo quest’anno ha perso non perchè avesse una moto meno competitiva o meno evoluta della Ducati, ma perchè da un certo punto della stagione in poi ha tirato i remi in barca e smesso di dare il 100%. Il tutto è stato enfatizzato da una situazione tecnica sicuramente di svantaggio, ma gli oltre 90 punti che aveva in più rispetto a Bagnaia li ha lasciati lui lungo la strada. Fabio è sicuramente un pilota dal talento smisurato, al momento il secondo dietro a Marquez sulla griglia, ma quando c’è da giocarsi il bottino grosso ha dimostrato più volte di soffrire la pressione, forse troppo per che vuole entrare nella storia.

Top e flop MotoGP, le case

Top: Ducati è il costruttore che è più cresciuto negli ultimi anni, passato da essere il fanalino di coda alla luce di testa che illumina il sentiero, anche agli altri. Lei apre la strada e gli altri copiano, le innova e gli altri inseguono: anche i colossi giapponesi, che sono passati dall’egemonia degli anni 90 e 2000 a eseguire dei copia e incolla di quello che passa dai test team Ducati. Il marchio è quello di Gigi Dall’Igna, l’avanguardistico ingegnere capace di raccogliere i cocci della rossa e farla volare, portandola in una forma mai vista prima, rendendola il sogno proibito di ogni pilota costretto a darle battaglia in pista.

Flop: Honda. Una stagione così a Tokio non si era mai vista: 0 vittorie, il solo Marc (tra operazioni al braccio e diplopia) a trainare la carretta e una moto di cui si sono lamentati tutti, collaudatori inclusi. Fatico a credere che un disastro del genere sia stato tutto merito della moto, e probabilmente il morale senza il 93 ha raggiunto i minimi storici. Toccato il fondo si può solo risalire. Il fatto che siano una moto italiana a dominare è fantastico, ma un mondiale senza Honda subisce una grave perdita.

Top e flop MotoGP: Dorna

Flop: Dorna ha pagato a caro prezzo le conseguenze del Covid. Gli introiti hanno scarseggiato e così Ezpeleta è stato richiamato a rimboccarsi le maniche. La soluzione? Meno prove (già scarse) e più gare, il doppio, per l’esattezza, aggiungendo una sprint race al sabato di circa 10 giri. La cosa peggiore sono state i commenti e le giustificazioni dei vertici della società stessa e della FIM. La mossa è sembrata azzardata e il risultato di una certa mancanza di idee e i risvolti per ora non sembrano essere positivi, soprattutto visto che è una scelta che fa aumentare le situazioni di pericolo in pista. Il dado è tratto e la stagione 2023 avrà questo nuova format, speriamo che non si traduca in un cobra effect.

Voi che ne pensate?

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.

MotoGP 2022: le pagelle di Silverstone

MotoGP 2022: le pagelle di Silverstone

MotoGP 2022: le pagelle di Silverstone

L’instabile Pecco vince ancora, Vinales fa il secondo podio di fila davanti a MIller. 8° Quartararo seguito da un acciaccato Espargaro

La MotoGP torna a Silverstone dopo la pausa estiva e noi torniamo con le nostre pagelle. Il circus si era fermato dopo la tappa ad Assen, con il mondiale pronto a riaprirsi dopo due eventi: la caduta di Quartararo e la penalizzazione inflitta allo stesso, accusato di aver fatto una manovra pericolosa, e condannato a eseguire un long lap penalty nei primi giri di gara.

Di per sè l’idea di penalizzare un pilota perché tenta di fare un sorpasso, non sembra una genialata, a meno che come risultato non si voglia ottenere la cristallizzazione delle posizioni in gara. Aggiungiamoci che il motomondiale viene spesso criticato per la mancanza di spettacolo, fattore che va di pari passo con le bagarre in circuito, e subito emerge la speranza che questa decisione sarà un caso isolato e non l’inizio di una nuova tendenza. Eppure, col senno di poi, bisogna dire che, se lo scopo è stato quello di riaprire il mondiale, effettivamente la race direction è stata efficace. Loro si meritano un bel 3.

La MotoGP 2022 prima di Silverstone

Prima del Gran Premio d’Olanda il campione del mondo sembrava pronto a ripetersi, in modo quasi scontato, nonostante un inizio di stagione in salita. Ora la classifica si è ricompattata e di sicuro Espargaro, ma anche Bagnaia, sono più che mai in lizza per il titolo. Pecco ora è il pilota che ha vinto più GP di tutti nel 2022, quando fino a qualche gara fa era. dai più, dato per spacciato. Ora non ha nulla da perdere e in queste condizioni ha già dimostrato di essere veloce, ma è quando la posta in palio si alza che deve dimostrare di tenere botta. Voto 9 a Bagnaia.

La rivelazione

É da tutta la stagione che sta sorprendendo tutti, Aleix Espargaro ha letteralmente mandato a benedire qualsiasi pronostico su di lui. In Gran Bretagna, per di più, dopo una caduta in cui ha riportato la frattura del tallone destro, ha dimostrato a tutti di che pasta è fatto, facendo un grandissimo giro dopo la botta e correndo, ancora una volta una bellissima gara la domenica, sottolineando a tutti, che lui quest’anno non scherza per niente. Ma in casa Aprilia le rivelazioni sono due, perchè anche Vinales ha cominciato ad andare davvero forte, ottenendo il secondo podio di fila. La moto di Noale è ormai una moto matura, con un altissimo potenziale, brava Aprilia! 10 in pagella per Aprilia e Aleix!

Delusione Yamaha

Chi delude non può essere che Fabio Quartararo, che tra sbaglio gomma e long lap penalty ha chiuso in 8° posizione. Una gara negativa ci può stare, ma dalla determinazione con cui ha consumato la zona del LLP durante le varie prove ci si aspettava da Fabio un’altra prestazione. Sicuramente la scelta gomma poteva essere fatta meglio Il vero problema a Iwata è che la Yamaha oramai la guida solo lui, e gli altri, tranne Binder che è un rookie, sembrano totalmente fuori gioco. Non facciamoci prendere come al solito dalla frenesia del giudizio, Fabio a Silverstone è stato da 5, ma rimane il pilota di riferimento, su un mezzo che in alcuni frangenti fatica.

La mala Honda

Miglior piazzamento 17° con Alex Marquez. Una HRC così non si era mai vista. Sebbene negli anni scorsi senza Marc non si riuscisse a vincere, tra il fratello e Nakagami dei buoni risultati saltavano fuori. Il 2022 è stato un disastro, tutto da rifare. Voto 3 alla Honda.

Suzuki, make me dream!

Chi non ha sperato di rivedere Rins sul gradino più alto del podio? Io l’ho fatto, lo ammetto. Fino alla danza del gambero, pensavo che Alex potesse scappare o comunque giocarsela fino alla fine, invece piano piano Rins ha perso terreno, fino a scivolare in 7° posizione. Non raggiunge la sufficienza perché ci ha prima gasato e poi sgonfiato.

L’ufficiale 2023

Da tutta la stagione si cerca di capire chi affiancherà Bagnaia in Ducati il prossimo anno, da una parte Bastianini, che ha vinto tre gare solo nel 2022 e dall’altra Martin, che quest’anno ha faticato molto. Nelle ultime gare Enea aveva perso un po’ di fiducia ed è incappato in qualche caduta di troppo. Il sole deve avergli fatto bene e il sorpasso in estremis su Martinetor, ne è la dimostrazione. Fossi in Ducati, al netto di interessi di sponsor, scegliere a occhi chiusi, ma io faccio solo le pagelle per IVN e do 7 a Bastianini e 5 a martin.

Due tipi da spiaggia

Qualcuno invece non vedeva l’ora di tornare in spiaggia, sono Mir e Zarco, finiti nella ghiaia. I due Giovanni sono stati accomunati dalla stessa sorte. Il primo mentre era settimo, il secondo mentre conduceva la gara. Per il backflip di Zarco c’è da aspettare. 5 ai Giovanni.

Leggi le pagelle del Sachsenring

 

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.

MotoGP 2022: le pagelle del Sachsenring

MotoGP 2022: le pagelle del Sachsenring

MotoGP 2022: le pagelle del Sachsenring

Vince Quartararo davanti a Zarco e Miller. Quarto A. Espargarò davanti a Marini. Altro zero per Bagnaia

​Rieccoci con le pagelle della MotoGP: puntata Sachsenring. Domenica non è stata la gara che ci voleva. Dopo Barcellona le aspettative -e le speranze- erano quelle di vedere il mondiale riaperto, o perlomeno non chiuso. Invece purtroppo qualcosa non è andato secondo il verso giusto e, con questa vittoria, Quartararo ha seriamente ipotecato il mondiale 2022. Ovviamente, quando parliamo di “gara che ci voleva” non ci riferiamo alla vittoria di qualcuno a favore di qualcun altro, ma alla possibilità che c’era di tenere il mondiale, e di conseguenza lo spettacolo, aperto, dopo la pausa estiva. Ma scendiamo nel dettaglio

Quartararo ha vinto il titolo MotoGP 2022?

No El Diablo non ha ancora nulla in tasca, ma deve succedere qualcosa di veramente strano perchè a queato punto perda il titolo.

Fabio ha totalizzato 172 punti e in ballo ce ne sono ancora 250. Il secondo è Aleix Espargaro a 33 punti, terzo a gran sorpresa troviamo Zarco, con 111 totali punti a 61 dal connazionale, Al quarto posto c’è Bastianini, che ne fa segnare 100 tondi. Dopo di lui Brad Binder con 82, seguito da Bagnaia e Miller a pari merito con 81 (date un occhio allla classifica del motomondiale).

Dopo il finale di stagione 2021 nessuno avrebbe potuto ipotizzare una situazione del genere, soprattutto tra le file Ducati: Zarco primo delle rosse  e Bagnaia a pari punti con Thriller. Una curiosità: anche i due Ecstar sono a parimerito a 69 punti.

Quartararo vince al Sachsenring

É la seconda gara di fila che Fabio vince. Parte benissimo, si mette davanti alla prima staccata. Bagnaia invece, nonostante la partenza dalla pole e la superiorità del motore, ancora una volta gli finisce dietro, un po’ come era già successo l’anno scorso, quando nelle gare decisive in un modo o nell’altro a Francesco mancava qualcosa e buttava via la gara. 

Dopo pochi giri l’italiano supera il francese, il quale, però, gli si ripiazza davanti subito. Pecco non sembra averne per stargli dietro ed è visibilmente più lento di Quartararo. Alla prima curva del quarto giro bagnaia va largo e cade in curva uno (qui trovate il video della caduta di Bagnaia al Sachsenring). Quattro zeri pesantissimi rendono la rimonta di Bagnaia difficilissima, quasi impossibile, soprattutto contro un Quartararo così concreto, pronto a sfruttare qualsiasi occasione senza buttare via nulla.

Bagnaia ha dimostrato di subire molto la pressione, facendo errori tutte quelle volte in cui qualcuno gli ha messo le ruote davanti, Enea prima, Fabio poi. Oltre e quel brutto zero alla prima in campionato in cui ha steso, spinto dalla foga, l’incolpevole Martin.

É l’unico veloce come il pilota Yamaha, ma probabilmente quest’anno la pressione di portare il titolo in Ducati gli ha giocato un brutto scherzo. Ora a Bagnaia non basterebbe nemmeno finire sempre davanti al francese per vincere. Insomma, il campione è in corsa per confermarsi.

Gli ex candidati al titolo MotoGP 2022

In realtà Aleix Espargaro è lunico vero contendente al trono di questa stagione, almeno per ora. Il suo vero limite è quello di non essersi mai giocato un titolo, e farlo per la prima volta a 32 anni, contro piloti con dieci anni in meno, non deve essere proprio una passeggiata. Dalla sua il pilota Aprilia sta dimostrando una costanza e una velocità inaspettata.

Zarco non dovrebbe impensierire Quartararo, oltre ad essere oltre i 60 punti di distacco, il connazionale non ha ancora vinto una gara in MotoGP, e personalmente non lo vedo in lotta per il titolo.

Bastianini si è autoeliminato. Nel suo caso penso che Enea, come Martin abbia subito la pressione della scelta del pilota ch epasserà in Ducati ufficiale l’anno prossimo. Sindrome di cui aveva sofferto anche Martin, il quale si è giustamente ripreso, non appena si è assicurato che Bastianini l’avesse contratta.

Honda da due in pagella

Ma la vera delusione di questa MotoGP è mamma Honda. Su quattro piloti uno è caduto: Nakagami, due si sono ritirati:  Espargarò per problemi tecnici, e Marquez per la rottura dell’abbassatore, mentre l’unico arrrivato, Bradl, ha tagliato il traguardo per ultimo, ustionato dal calore trasmesso dalla moto. La cigliegina sulla torta? Ad oggi con due gare in meno Marc è ancora il primo pilota Honda in campionato, e non stiamo parlano del Marquez del 2019, ma di quello che hanno dovuto operare per ruotargli l’omero di 30°, che altrimenti non riusciva a guidare.

Via coi voti!

I voti delle pagelle della MotoGP al Sachsenring

10 e lode a Quartararo: primo alla prima curva e primo al traguardo. É sempre dove dovrebbe (in questo ricorda Marquez), è agguerrito, tenace e sa accontentarsi (in questo no). Le posate sbattono sul tavolo, vuole il bis.

8 a Zarco: quatto quatto è il primo Ducatista al Sachsenring e nel mondiale, è anche l’unico senza pressioni, sarà un caso?

8 a Miller: molto veloce in Germania, soprattutto rispetto alle ultime gare in cui si era eclissato. Riemerso.

8 a Aleix Espargarò: sempre veloce e consistente. Contendente.

9 a Marini: tre gare in top ten. Sta trovando la bussola.

7 a Jorge Martin: anche lui sta uscendo da un momento difficile e finalmente è tornato a sorridere.

7 a Brad Binder: gira che rigira in gara la salva sempre.

6 a Bastianini: anche lui si è autoeliminato, deve ritrovare la calma

3 a Morbido e Dovi: costantemente nelle retrovie con la moto che vince.

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.

MotoGP 2022: le pagelle di Barcellona

MotoGP 2022: le pagelle di Barcellona

MotoGP 2022: le pagelle di Barcellona

Quartararo vince e allunga in campionato, Aleix butta via il 2° posto e Nakagami fa strike in curva uno.

La MotoGP ha corso a Barcellona, dove si è fermata anche oggi per i test, ecco le nostre pagelle. La gara è stata caratterizzata, e forse rovinata, da due eventi poco simpatici, il primo per tutti, il secondo sicuramente per il diretto interessato

 

Lo strike di Nakagami

Alla curva uno Nakagami, che aveva appena fatto una buona partenza, arriva lungo alla prima staccata e cadendo, nel tentativo di fermare la sua Honda, centra Rins e Bagnaia (al link il video tella caduta di Nakagami). Una partenza di GP disastrosa, che taglia fuori uno dei pretendenti alla vittoria -e al titolo- e ancora una volta Rins, per la seconda gara di fila abbattuto dal kamikaze del team LCR. Soprattutto dopo l’errore del Mugello, Taaka avrebbe dovuto stare più attento. Errori del genere non sono mai voluti e a noi non sembra che abbia fatto una manovra così assurda. Taaka guadagna posizioni in accelerazione, mentre in frenata dalle immagini non risulta esse così in ritardo come viene descrittto da molti, anche se, vuoi la gomma fredda, gli parte l’avantreno. Non stiamo dicendo che abbia fatto bene, ma che è un incidente di gara -finito malissimo- e che la frenata non è stata così assurda come in molti dicono e, soprattutto, non è stato quello il momento in cui ha “guadagnato” metri. Certo è che un doppietta del genere andava evitata, Rins ha rimediato un infortunio al polso e dovrà saltare i test di oggi e il mondiale di Bagnaia se non è stato distrutto è certamente compromesso.

Aleix che disastro

Aleix Espargarò esulta per la sua 2° posizione nel GP di casa, dopo essere partito dalla pole, peccato che manchi ancora un giro dal termine(qui trovate il video dell’acccaduto). Lo sfileranno tre piloti prima che lo spagnolo se ne accorga, riuscirà a sorpassare marini e ad arrivare 5°. Succede raramente ma a volte succede. Il grosso peccato è buttare via il lavoro di un intero weekend di gara e quello che sarebbe stato il 5° podio consecutivo. Speriamo che Aleix non ne risenta.

La marche trionfale

Nel frattempo, Quartararo è passato in testa alla prima curva, complice la non brillantissima partenza dei primi due e grazie a una gran staccata, e non l’ha più mollata, rifilando sei secondi al primo inseguitore, (sarebbe stato qualcosa meno senza lo sbaglio di Aleix). Da parte sua una gara semplicemente perfetta, se ci uniamo che venerdì sembrava in difficoltà e la sfortuna/errori dei due più prossimi pretendenti al titolo, ne risulta che Fabio ieri ha messo una bella ipoteca sul titolo 2022. Lui è sempre supercostante ma come si suol dire, non dire gatto…

Cadi che ti passa.

Tolti i primi i tre coinvolti nell’incidente di cui abbiamo già parlato, sono caduti in cinque, qualcuno che proprio non avrebbe dovuto. Parliamo di Enea, che ha buttato via la gara mentre era inseguito da Vinales. Il mantra negli ultimi anni è: “Cadi il meno possibile, porta a casa più punti possibile”. Il tutto ripetuto dalla voce calda di Miaghi San, accompagnata dal movimento rotatorio delle sue braccia, dopo aver potato un bonsai su una scogliera Californiana. Purtroppo chi vuole vincere in questi anni deve avere questo mindset e limitare ogni errore. Gli altri rotolatori sono: Diggia, quindio 00 per il Team Gresini (come la farina); Bezzecchi che era in 13° posizione al momento della caduta, ma lui ci sta che abbia foga; Bradl che non è mai passato sotto al traguardo. Il Dovi non è caduto, ma, mentre bazzicava nelle retrovie, ha deciso di ritirarsi. Momentaccio.

Per il resto si è assistito a una gara con pochi sorpassi  e con i piloti attenti alla salvaguardia delle gomme, a causa delle condizioni della pista, con poco grip. Via coi Voti!

P.S. Celestino in Moto2 ha fatto una gara e un ultimo giro da urlo!

10 a Quartararo: perfetto dall’inizio alla fine, primo alla prima curva e sei secondi al secondo sul traguardo. Ipotecario.

8 a Martin: secondo posto regalato, ma il podio se l’è meritato ed è bello vederlo tornare competitivo.

7 a Zarco: non è mai stato da primi tre e anche lui ha giovato dell’errore di Aleix, sta dimostrando una grande costanza, ma gli manca sempre il guizzo per la vittoria. ottimo collaudatore.

9 a Mir: ci sono state un po’ di cadute ma la sua rimane una grandissima prestazione. Tenace!

8 a Aleix: era da 9. Gara intelligente, anche troppo con scemata sul finale. Può capitare ed è già capitato. Come ha detto Mir “di sicuro non gli ricapiterà”.

8 a Marini: ottima conferma per Luca, al secondo risultato positivo.

7 a Vinales: la prima gara in cui viene fuori con l’Aprilia

4 a Morbido e Miller: ombra di se stessi.

3 a Dovizioso: inquadrato pochissimo, pare si sia ritirato per la disperazione, non riusciva a guidare.

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.

MotoGP 2022: le pagelle del Mugello

MotoGP 2022: le pagelle del Mugello

MotoGP 2022: le pagelle del Mugello

L’Italia vince al Mugello senza spettatori. Un pieno di emozioni in assenza di pubblico

Le pagelle della MotoGP al Mugello. É un weekend complicato quello del GP di Italia, con condizioni scostanti che rimescolano le carte giorno per giorno. Da una lato ci hanno permesso di vedere qualche outsider in posizioni inusuali: vedi Diggia in pole e i piloti del team Mooney a completare la prima fila. Dall’altro hanno fatto sì che i favoriti non partissero davanti regalandoci qualche bel giro movimentato per tornare alle posizioni che gli spettano. Nel complesso una gara molto divertente, almeno fino a metà.

Al Mugello non si va

Il Mugello è sempre stato un GP iconico, tanto da meritarsi un coro forgiato dalle nottate passate dai tifosi sulle colline toscane a grippare motoseghe a suon di sgasate: Al Mugello non si dorme! O meglio, non si dormiva. Le motoseghe e le fiumane di gente quest’anno non si sono viste. Vuoi l’assenza di Rossi, vuoi la concomitanza con Montecarlo, vuoi la crisi economica unita a dei prezzi di tre volte maggiori (ad andar bene) alle altre tappe europee ed ecco che si capisce perchè quest’anno è stato un flop. Fonti attendibili (Pernat ai microfoni di GPOne) riportano che Ezpeleta abbia intimato agli organizzatori che in queste condizioni nel 2023 al Mugello non si correrà, occhio.

I vincitori

Ma come, non vince uno solo? Sì, certo ma domenica si è vista una situazione particolare. Lo strapotere Ducati, in realtà non una novità, e la superiorità e il controllo di Quartararo. Bagnaia vince e gli va riconosciuto di aver corso una gara perfetta, ma Fabio ha portato a casa una seconda posizione, forse ancor più significativa, su una pista in cui perdeva tre decimi fissi a ogni passaggio sul traguardo. Discorsi del tipo: cosa farebbe l’uno sulla moto dell’altro  hanno poco senso, ma Quartararo sta dimostrando di essere in forma smagliante e di sbagliare pochissimo, facendo una differenza imbarazzante coi compagni di marca, segno di un livello esagerato. Poi c’è la grande conferma della stagione, con il quarto podio di fila Aleix suggella il matrimonio con l’Aprilia, e, per chi ancora aveva dei dubbi, si conferma candidato al titolo.

Due di picche

Il secondo zero di fila del team Suzuki non può essere una coincidenza. A ciò si aggiunge che Mir da due gare sembra aver perso la totale fiducia nel mezzo. La speranza è che Alex non ricada nel brutto circolo vizioso già visto l’anno scorso.

I Goonies

Alcuni Rookie, alcuni Mooney, uno entrambe le cose, tutti giovani e rampanti. Bezzecchi e Marini finalmente si sono resi protagonisti di una bellissima gara. Bez ha fatto otto giri davanti a tutti e Luca al suo secondo anno ha corso una gara di rilievo, fino alla fine. Certo la Ducati qui è stracollaudata, ed è  vero, è una delle piste di casa, ma la sostanza qui c’è stata tutta. Diggia invece ha fatto segnare la sua prima pole, anche se in gara ha faticato di più. Tre giovani che fanno bene per la prima volta, mica male.

La quarta caduta

É la notizia che nessun appassionato vuole sentire. Marc Marquez si opererà di nuovo, è stato ufficializzato dopo le qualifiche e l’operazione avverrà questa settimana in America. Marc non si diverte più a causa dei dolori, l’osso del suo omero non è guarito in maniera adeguata (qui potete trovare un intervento del Dottor Costa) e la situazione sta peggiorando. Per provare a risolvere il tutto si recherà in una clinica negli USA specializzata in questo tipo di intervento. Un personaggio come Marc fa godere quando è in sella al 100 % ed è grasso che cola per lo sport sotto ogni punto di vista. In bocca al lupo. Via coi voti!

10 a Bagnaia= ottima gara e bel riscatto dopo Le Mans

10 a Quartararo= dimostra una superiorità notevole in sella a un mezzo con limiti evidenti.

9 ad Aleix E.= non è più una comparsa ma una presenza fissa al banchetto dei festeggiamenti. 9 anche ll’Aprilia che ha fatto passi da gigante.

8 a Zarco= il pilota collaudatore. Si conferma un’ottima seconda guida e in più fa un gran lavoro di sviluppo.

9 a Bezzecchi= prima fila e 8 giri in testa da rookie valgono il voto. Prestazione convincente.

7 a Marini= Bella gara per Luca che inanella due buoni risultati. Unico neo: finire dietro a Bez con un anno in più di esperienza e la moto 2022.

7 a Brad Binder= a soli 4 secondi dal vincitore, fa segnare una bella prestazione in casa arancio e in qualifica ha fatto il pioniere con le slick su pista mista.

7 a Marc Marquez= correre così è da giù il cappello, finire in top ten è da pochi. A presto!

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.