MotoGP 2022: le pagelle di Silverstone

MotoGP 2022: le pagelle di Silverstone

MotoGP 2022: le pagelle di Silverstone

L’instabile Pecco vince ancora, Vinales fa il secondo podio di fila davanti a MIller. 8° Quartararo seguito da un acciaccato Espargaro

La MotoGP torna a Silverstone dopo la pausa estiva e noi torniamo con le nostre pagelle. Il circus si era fermato dopo la tappa ad Assen, con il mondiale pronto a riaprirsi dopo due eventi: la caduta di Quartararo e la penalizzazione inflitta allo stesso, accusato di aver fatto una manovra pericolosa, e condannato a eseguire un long lap penalty nei primi giri di gara.

Di per sè l’idea di penalizzare un pilota perché tenta di fare un sorpasso, non sembra una genialata, a meno che come risultato non si voglia ottenere la cristallizzazione delle posizioni in gara. Aggiungiamoci che il motomondiale viene spesso criticato per la mancanza di spettacolo, fattore che va di pari passo con le bagarre in circuito, e subito emerge la speranza che questa decisione sarà un caso isolato e non l’inizio di una nuova tendenza. Eppure, col senno di poi, bisogna dire che, se lo scopo è stato quello di riaprire il mondiale, effettivamente la race direction è stata efficace. Loro si meritano un bel 3.

La MotoGP 2022 prima di Silverstone

Prima del Gran Premio d’Olanda il campione del mondo sembrava pronto a ripetersi, in modo quasi scontato, nonostante un inizio di stagione in salita. Ora la classifica si è ricompattata e di sicuro Espargaro, ma anche Bagnaia, sono più che mai in lizza per il titolo. Pecco ora è il pilota che ha vinto più GP di tutti nel 2022, quando fino a qualche gara fa era. dai più, dato per spacciato. Ora non ha nulla da perdere e in queste condizioni ha già dimostrato di essere veloce, ma è quando la posta in palio si alza che deve dimostrare di tenere botta. Voto 9 a Bagnaia.

La rivelazione

É da tutta la stagione che sta sorprendendo tutti, Aleix Espargaro ha letteralmente mandato a benedire qualsiasi pronostico su di lui. In Gran Bretagna, per di più, dopo una caduta in cui ha riportato la frattura del tallone destro, ha dimostrato a tutti di che pasta è fatto, facendo un grandissimo giro dopo la botta e correndo, ancora una volta una bellissima gara la domenica, sottolineando a tutti, che lui quest’anno non scherza per niente. Ma in casa Aprilia le rivelazioni sono due, perchè anche Vinales ha cominciato ad andare davvero forte, ottenendo il secondo podio di fila. La moto di Noale è ormai una moto matura, con un altissimo potenziale, brava Aprilia! 10 in pagella per Aprilia e Aleix!

Delusione Yamaha

Chi delude non può essere che Fabio Quartararo, che tra sbaglio gomma e long lap penalty ha chiuso in 8° posizione. Una gara negativa ci può stare, ma dalla determinazione con cui ha consumato la zona del LLP durante le varie prove ci si aspettava da Fabio un’altra prestazione. Sicuramente la scelta gomma poteva essere fatta meglio Il vero problema a Iwata è che la Yamaha oramai la guida solo lui, e gli altri, tranne Binder che è un rookie, sembrano totalmente fuori gioco. Non facciamoci prendere come al solito dalla frenesia del giudizio, Fabio a Silverstone è stato da 5, ma rimane il pilota di riferimento, su un mezzo che in alcuni frangenti fatica.

La mala Honda

Miglior piazzamento 17° con Alex Marquez. Una HRC così non si era mai vista. Sebbene negli anni scorsi senza Marc non si riuscisse a vincere, tra il fratello e Nakagami dei buoni risultati saltavano fuori. Il 2022 è stato un disastro, tutto da rifare. Voto 3 alla Honda.

Suzuki, make me dream!

Chi non ha sperato di rivedere Rins sul gradino più alto del podio? Io l’ho fatto, lo ammetto. Fino alla danza del gambero, pensavo che Alex potesse scappare o comunque giocarsela fino alla fine, invece piano piano Rins ha perso terreno, fino a scivolare in 7° posizione. Non raggiunge la sufficienza perché ci ha prima gasato e poi sgonfiato.

L’ufficiale 2023

Da tutta la stagione si cerca di capire chi affiancherà Bagnaia in Ducati il prossimo anno, da una parte Bastianini, che ha vinto tre gare solo nel 2022 e dall’altra Martin, che quest’anno ha faticato molto. Nelle ultime gare Enea aveva perso un po’ di fiducia ed è incappato in qualche caduta di troppo. Il sole deve avergli fatto bene e il sorpasso in estremis su Martinetor, ne è la dimostrazione. Fossi in Ducati, al netto di interessi di sponsor, scegliere a occhi chiusi, ma io faccio solo le pagelle per IVN e do 7 a Bastianini e 5 a martin.

Due tipi da spiaggia

Qualcuno invece non vedeva l’ora di tornare in spiaggia, sono Mir e Zarco, finiti nella ghiaia. I due Giovanni sono stati accomunati dalla stessa sorte. Il primo mentre era settimo, il secondo mentre conduceva la gara. Per il backflip di Zarco c’è da aspettare. 5 ai Giovanni.

Leggi le pagelle del Sachsenring

 

Mattia Caimi

Appassionato di moto in tutte le salse, é cresciuto leggendo i "Pensieri sporchi" del Ciaccia. Ama scrivere del mondo del motociclismo, fingendo di capirne qualcosa.